Accessibilità siti web cosa dice la legge

19 settembre 2015 by nella categoria Web Design 0 0
Home > Blog > Accessibilità siti web cosa dice la legge

Internet è sinonimo di libertà d’espressione, negli ultimi anni abbiamo visto come si sono accesi vari dibattiti su leggi in parte inibitorie nei confronti della libertà di stampa sia offline sia online.

 

Libertà d’espressione si, ma anche di fruizione, ma molte volte non per tutti, molti siti internet, infatti, non seguono nessuno standard di accessibilità definito dalle leggi locali e dagli standard mondiali come il W3C.

 

La legge italiana

riconosce e tutela il diritto di ogni persona ad accedere a tutte le fonti di informazione … ivi compresi quelli che si articolano attraverso gli strumenti informatici”.

Legge 04/2004 (http://www.camera.it/parlam/leggi/04004l.htm).

 

Con questo primo articolo vorrei dare qualche suggerimento utile, affinchè i nostri siti siano accessibili per tutti, anche per i diversamente abili.

Utilizziamo i giusti tag HTML

 

Cerchiamo di realizzare delle pagine web utilizzando i vari elementi HTML rispettandone il significato semantico. In poche parole usiamo i tag h1,h2,h3 per realizzare i titoli, gli header appunto, e scriviamo i paragrafi dentro i tag p,

Nel distanziare un paragrafo dall’altro, cerchiamo di non usare br, ma tramite i CSS definiamo la spaziatura tra un paragrafo e l’altro.

 

Definiamo gli abbellimenti tramite i fogli di stile

 

I colori sono l’anima e su questo non c’è dubbio, ma definiamoli nel foglio di stile, non nella pagina stessa, questo non creerà nessuno svantaggio né a chi ha la possibilità di godere della vista che ad un non vedente, che usa qualche programma apposito per visualizzare il nostro sito!

 

Definiamo i link non solo con i colori

 

Cerchiamo di evidenziare i collegamenti ipertestuali non  tramite un colore, ma magari utilizzando la sottolineatura al passaggio del mouse. Questo suggerimento può essere non seguito nel caso, il link si trovi in un menù di navigazione, in questo caso appare evidente che si tratti di un link, anche senza nessun evidenziamento.

 

 

Definiamo il colore del testo

 

Quando scriviamo il CSS non diamo per scontato il colore del testo! Molti utenti usano temi ad alto contrasto, che rendono il  testo di una pagina web di default di colore bianco. Questo comporta, che se il nostro background  fosse grigio chiaro, la lettura sarebbe molto difficile, se non impossibile!

Per evitare tutto questo, basta impostare il colore del background e quello del testo.

 

Se il nostro sito ha bisogno di mostrare dati in una struttuura tabellare, cerchiamo di usare tutti i tag che XHTML ci mette a disposizione, per differenziare le varie celle, come per le celle d’intestazione e per le celle che contengono informazioni. In questo modo poi potremmo sfruttare a pieno i CSS per modificarne l’aspetto modificandone font, colori etc..

 

 

Semantica

 

Abbiamo visto come i CSS ci aiutano nell’impaginazione della nostra pagina web, ma cerrchiamo di non abusarne troppo,  durante lo sviluppo della nostra pagina web, cerchiamo di visualizzare la stessa senza i fogli di stile, verifichiamo se la pagina sia comunque intuitiva e facilmente fruibile.

Cerchiamo di ordinare i contenuti del nostro sito web e delle pagine, poiché chi naviga su internet in modo non convenzionale, cioè tramite un browser testuale come Lynx o uno screen-reader, potrà fruire al meglio del nostro lavoro.

 

Questo consiglio non è da sottovalutare, poiché oggi anche i motori di ricerca, stanno affinando i loro algoritmi, in modo da verificare la semanticità di una pagina web.

 

 

Visualizziamo il sito web senza CSS e Javascript

 

Verifichiamo le nostre creazioni in Javascript, disabilitiamo Javascript, e guardiamo come il browser ci rende la pagina, spesso i menu utilizzano Javascript e senza di esso sono inutilizzabili. Un possibile rimedio è impaginare i menu di navigazione tramite delle liste ordinate.

 

Il tag ALT

 

Se inseriamo immagini, non dimentichiamoci di inserire il tag alt tra le sue proprietà, in modo tale, che se essa non viene visualizzata l’utente o lo screen reader possa leggere delle parole che indichino il contenuto omesso.

 

Se riusciamo a  seguire queste regole stiamo osservando la legge 04/2004 sull’accessibilità , se volete rendere il tutto ancora più fruibile, è possibile definire dei CSS specifici che aumentano il contrasto dei contenuti o che prevedono contenuti con caratteri grandi magari organizzati in template grafici a 2 colonne, anzichè a 3 colonne.

 

 

Tutti questi accorgimenti sono solo dei consigli, e non garantiscono in nessun modo il rispetto della normativa vigente, ma sono solo dei suggerimenti basati sulla mia esperienza, e su parecchi libri che ho letto.

 

 

Commenta

Consulente informatico Ischia, Iacono Enrico - P.Iva:07204361211 - TEL:3408405273 - info@ischiawebsoftware.com